La soia aiuta le donne

Un piccolo supplemento quotidiano di soia aiuta la salute delle DONNE IN MENOPAUSA che soffrono di ipertensione arteriosa e sono maggiormente esposte al rischio di patologie cardiovascolari . . .

La soia aiuta le donne  –  Un articolo pubblicato su: Arch Internal Med. del 2007 evidenzia lo studio di un gruppo di ricercatori di Boston. Essi hanno studiato 60 donne in menoapusa, 12 delle quali ipertese (con Pressione Arteriosa superiore o uguale a 140/90 mm Hg).
TUTTE le donne seguirono una dieta “salutare” per 8 settimane . . .  poi per altre 8 settimane seguirono la stessa dieta più una integrazione quotidiana di GERMOGLI DI SOIA tostati.
Alla fine dello studio, vennero posti a confronto i risultati delle due diete e si evidenziò come la dieta con il supplemento di soia, aveva dato un abbassamento dei valori pressori nelle 12 donne ipertese e in un gran numero di quelle non ipertese.  In particolare, con l’equivalente di 25 grammi di noccioline di soia non salata al giorno, le donne ipertese hanno ridotto del 9.9 % la loro pressione sistolica e del 6.8 % quella diastolica.    
“Mangiare 25 grammi di noccioline di soia senza sale nell’arco di una giornata può certamente abbassare la nostra pressione, ma naturalmente solo a patto che si segua una dieta sana”.

Oltre al decremento della pressione arteriosa si evidenziò anche un abbassamento dei valori del colesterolo totale e frazionato in quanto l’isoflavone contenuto nella soia,  è in grado di ridurre i livelli del colesterolo LDL nel sangue, e di incidere in modo positivo sulla pressione arteriosa.
Dunque . . . questo studio evidenzia il notevole vantaggio dell’assunzione di un piccolo (così da non far insorgere intolleranza alimentare) supplemento quotidiano di soia (circa 25 g di proteine della soia e 110 mg di isoflavoni).

Informazioni su Studio Medico Perrone & Associati (546 Articoli)
Con sede in Corso Sempione 8 a Milano, propone un approccio integrato tra la Medicina allopatica e naturale. Da oltre 20 anni si occupa di Alimentazione, Intolleranze Alimentari e Medicina Estetica.