Mamma lavoratrice . . . figlio sovrappeso ?

Può esistere una correlazione tra impegno lavorativo della madre e possibile sovrappeso del figlio? Sembra di SI . . .

Mamma lavoratrice . . . figlio sovrappeso ?

Da uno studio recente (Hawkins SS et al. International Journal of Obesity advance online publication 17 July 2007) emerge questa strana ma inquietante correlazione . . . che i bambini figli di una madre eccessivamente impegnata nel lavoro e quindi molto assente sono maggiormente esposti al rischio di obesità.
Lo studio ha preso in considerazione 13113 figli unici di 3 anni di età nati nel Regno Unito nel periodo compreso tra il 2000 e il 2002.
I dati di peso e altezza venivano rilevati intervistando i genitori che dovevano riferire le misure dei loro figli all’età di 9 mesi e al compimento del terzo anno.
Si evidenziò che il 23% dei bambini risultava in sovrappeso all’età di 3 anni.
Qualsiasi tipo d’impiego delle madri era correlabile direttamente al sovrappeso dei bambini e,  più le madri avevano un lavoro impegnativo e anche redditizio, più i piccoli aumentavano di peso.   E’ quindi possibile che la lontananza prolungata della madre da casa e dalla vita e dalla crescita del proprio figlio sia la causa di comportamenti alimentari scorretti nei bambini anche se affidati alla sorveglianza di una baby sitter.

Informazioni su Studio Medico Perrone & Associati (546 Articoli)
Con sede in Corso Sempione 8 a Milano, propone un approccio integrato tra la Medicina allopatica e naturale. Da oltre 20 anni si occupa di Alimentazione, Intolleranze Alimentari e Medicina Estetica.