Insalata di filetti di orata al songino

Le insalate sarebbe auspicabile accompagnassero tutti i nostri pranzi e le nostre cene: un’eredità tramandata dagli usi alimentari dei nostri genitori e nonni, che ben conoscevano il valore e le proprietà nutritive di questi alimenti, dei veri toccasana per la nostra salute.  Le insalate  sono ricche di fibre e contengono pochissimi grassi

Insalata di filetti di orata,  songino e arance

Avvicinandoci alla bella stagione anche se le temperature non ci regalano ancora un bel tepore, ho pensato di preparare un’ottima insalatona: un delizioso piatto unico ricco di verdure, frutta e proteine.  Le insalate sarebbe auspicabile accompagnassero tutti i nostri pranzi e le nostre cene: un’eredità tramandata dagli usi alimentari dei nostri genitori e nonni, che ben conoscevano il valore e le proprietà nutritive di questi alimenti, dei veri toccasana per la nostra salute.  Le insalate  sono ricche di fibre e contengono pochissimi grassi: un valido aiuto nella lotta al colesterolo e un alleato in più contro la stipsi, l’assorbimento di fibre induce un senso di sazietà  Le insalate contengono inoltre potenti antiossidanti: Vitamina E e C, acido folico, licopene, alfa e beta carotene,  fondamentali per proteggere l’organismo e combattere l’invecchiamento cellulare e la circolazione sanguigna. L’insalata è anche un’importante fonte di vitamine: contiene vitamina C, la A, che fa bene per la visione notturna e per la pelle, la vitamina K per le ossa, i flavonoidi per la prevenzione dei tumori. Inoltre, mangiare insalata permette di fare il pieno di potassio, calcio e fosforo. E se volete che il vostro organismo assorba più vitamine, usate l’olio di oliva per condire l’insalata: secondo studi recenti i grassi monoinsaturi dell’olio facilitano l’apporto di vitamine rispetto ad altri condimenti
Una raccomandazione fate molta attenzione agli ingredienti contenuti nelle insalate (soprattutto se le consumate al bar) spesso rischiano di diventare ipercaloriche e non ben bilanciate
Ingredienti per 4 persone:

Come sfilettare il pesce
Incidete con un coltello ben affilato tutto intorno alla testa del pesce, poi lungo la spina dorsale. Fate scorrere il coltello tra la carne e la lisca centrale fino a separare un filetto; girate il pesce e staccate allo stesso modo anche l’altro filetto. Eliminate poi con una pinzetta le piccole spine che si possono trovare nella polpa.

Preparazione

  1. Squamate le orate, pulitele, sfilettatele, ricavandone 4 filetti interi: lavateli e asciugateli con carta assorbente da cucina, tagliateli a fettine sottili e sistemateli in un piatto fondo
  2. Mettete 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva in una ciotola con il succo del limoni, l’aglio tritato finemente e il prezzemolo: salate, pepate e sbattete leggermente il composto finchè avrete ottenuto una salsina ben  emulsionata: versatela sulle fettine di orate coprite il piatto e lasciate riposare in frigo per una ventina di minuti
  3. Pulite l’insalata, lavatela e asciugatela. Sbucciate il cetriolo e tagliatelo a rondelle sottili, sbucciate quindi l’arancia e ricavatene degli spicchi,   sgocciolate i frutti del cappero dalla salamoia
  4. Sistemate le fettine di orata marinate sui piatti, aggiugete le verdure, gli spicchi di arance,  i capperi e la manciatina di pistacchi, condite con un filo di olio e qualche goccia di limone; salate pepate e servite 

L’orata, il cui nome scientifico è Sparus aurata, è un pesce  molto diffuso nel Mar Mediterraneo e nell’Atlantico occidentale, generalmente stanziato lungo le coste, ma anche nelle aree lagunari in prossimità delle foci dei fiumi. È un pesce dalle medie dimensioni, che raramente supera i 40 cm e con un peso medio in età adulta di 400 grammi. Ma perché questo nome particolare? Per via della sua tipica linea dorata situata fra gli occhi. Si riconosce inoltre per il suo corpo ovale compresso e leggermente allungato, per la bocca piccola, dotata di denti aguzzi, il muso tozzo e gli occhi grandi. Anche i fianchi sono dorati, mentre il ventre è argenteo e il dorso azzurrognolo.
Si tratta di un pesce pregiato dalle carni magre e saporite, straordinario dal punto di vista nutrizionale. Grazie al suo gusto delicato, questo pesce si presta facilmente alla preparazione di diversi piatti: eccellente alla griglia, ottimo al forno. Proprietà Nutrizionali e Benefici L’orata fa parte della classe dei pesci considerati magri, come la spigola, le acciughe, il merluzzo, il rombo e il luccio. È una ricca fonte di proteine di alto valore biologico, vale a dire con un alto contenuto di aminoacidi essenziali, oltre a grassi per lo più polinsaturi e monoinsaturi. L’apporto di colesterolo è molto ridotto, appena 65 mg ogni 100 g, difatti è un alimento consigliato sia nelle diete ipocaloriche, sia per chi soffre di malattie di natura dismetabolica come dislipidemia, diabete ed obesità. Anche le calorie sono ridotte: si parla di 135 calorie ogni 100 grammi. Per quanto riguarda i micronutrienti, l’orata può essere considerata un’ottima fonte di sali minerali quali fosforo, ferro e calcio, e di vitamine del gruppo B come riboflavina, niacina e tiamina. Il consumo di questo pesce dunque è altamente raccomandato ai bambini e agli adolescenti per la crescita, ma anche agli anziani per prevenire l’arteriosclerosi, ai convalescenti per una rapida guarigione e a coloro che soffrono di patologie al fegato.

Buon appetito!!!!!!!